Translate

Medioevo in cucina e ricetta della torta con farina di mais ricotta e bietole

Nello stato feudale il castello era il fulcro di tutte le attività, ma, tra lo scarso denaro circolante e le onerose tasse imposte, la vita era molto dura per i servi della gleba che vivevano miseramente, cibandosi, quando andava bene, di zuppe con ortiche e ghiande. 
Il ricco e potente feudatario, al contrario, non si faceva mancare niente (corsi e ricorsi storici!) e sulla sua tavola non mancavano mai arrosti prelibati di cacciagione, insaporiti con spezie, serviti su focacce di pane azimo che venivano utilizzate al posto dei piatti. Al termine del pranzo, le focacce intrise di condimenti e di avanzi del pasto, venivano elargite ai servi indigenti e malnutriti, i quali, le gettavano in una grande pentola colma di acqua, insieme a varie verdure e spezie, dando così origine alla minestra di pane e alla ribollita! In età comunale, Firenze divenne un comune autonomo, governato da un podestà, ma il potere, quello vero, veniva esercitato da alcune famiglie prestigiose e guerrafondaie che dimoravano nelle case-torri. La casa-torre era una dimora ben fortificata e collegata ad altre case-torri attraverso una fitta rete di passaggi che ne favorivano la difesa. In queste case-fortezze, al fine di proteggersi da un eventuale incendio, il locale destinato alla cucina si trovava nella parte più alta della torre, mentre il locale della dispensa e l'acqua si trovavano al piano terra. Possiamo quindi immaginare quanta fatica sia costata alle massaie di quel tempo, costrette ad un continuo salire e scendere per le scale strette e tortuose. Per motivi di spazio, dato che le stanze erano tutte molto anguste, in presenza di numerosi ospiti si apparecchiava la tavola per la strada, era questa una grande occasione per ostentare l'abbondanza delle pietanze! Venivano portate varie vivande, tra cui la panzanella, la fettunta, la minestra di pane e la ribollita, nonché il castagnaccio e la pattona! Il pane era sempre protagonista e con l'aggiunta di spezie aromatiche, uva e miele, si arricchiva, trasformandosi in buccellato, pan pepato e pandiramerino (pane dolce al rosmarino).

    


******

RICETTA DELLA TORTA CON FARINA DI MAIS, RICOTTA E BIETOLE



Ingredienti per uno stampo di 19 cm di diametro
200 gr di farina di mais, 4 cucchiai di olio evo, 2 uova, sale, pepe nero, latte qb, due cucchiaini di lievito per torte salate, 60 gr di semi di papavero, erba cipollina qb, 250 gr di ricotta, 150 gr di bietole lessate, parmigiano grattugiato qb, noce moscata qb, farina bianca qb.
Preparazione
In una zuppiera mescolate la farina di mais insieme ad una manciata di erba cipollina, ai semi di papavero, unite il sale, il pepe nero, incorporate le uova, l'olio, il lievito stemperato in poco latte. Amalgamate il composto aggiungendo un po' di farina bianca, nel caso la pasta risulti troppo umida, oppure un po' di latte, nel caso risulti troppo secca. Formate una palla stendetela in due dischi su una spianatoia infarinata con farina bianca. Dopo aver rivestito uno stampo con la carta da forno, sistematevi il primo disco, modellandolo e rialzando il bordo. Riempitelo con il composto a base di bietola tritata, ricotta, sale, pepe, parmigiano grattugiato e noce moscata, quindi coprite con il secondo disco sigillando i due lembi di pasta. Spennellate la superficie con una miscela di uovo sbattuto e latte e cuocete nel forno per circa 30 minuti a 180°. Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Elisa

Mai dire Mais!

 



******

96 commenti:

  1. Una bella ricetta, colorata e di sicuro buonissima!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ma che bello il tuo blog! Pieno di informazioni interessanti e splendide ricette! Bravissima...

    RispondiElimina
  3. Guauuu! Lady, si tu entrada anterior de pasta me parecía estupenda, ésta no me deja indiferente.
    ¡Esto tiene que estar bueno...buenísimo!
    Un beso.

    RispondiElimina
  4. stupenda, questa torta, condita con le tue perle di storia del costume, è davvero unica, mai vista prima, ma sicuramente da provare per assaporare la storia che contiene! Grazie, preziosa come sempre!

    RispondiElimina
  5. mi incanto e perdo sempre la cognizione del tempo leggendoti :)

    RispondiElimina
  6. bellissima ricetta,questa torta e foto meravigliose,complimenti come sempre

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo l'origine della ribollita, e anche se ne ho sentito parlare moltissimo, non l'ho mai assaggiata! Sempre molto interessante leggere i tuoi post! E poi una torta rustica di mais così è una meraviglia, che bella idea!Bravissima come sempre! Tanti baci

    RispondiElimina
  8. ..mamma che splendore!!!!
    Devo assolutamente provare a farla!!!!!
    Sei bravissima..ma proprio tanto tanto!!!!!
    Grazie di tutto!!!!!
    Un bacio!!!!

    RispondiElimina
  9. Questa ricettina la copio subito, è ghiottissima e molto bella la torta!!!!! Complimenti cara Lady, bacioni!!!!

    RispondiElimina
  10. Lady che bel post! Il periodo feudale mi affascina moltissimo, mi è piaciuto il tuo excursus sulla cucina dell'epoca.
    La torta è deliziosa. Ho preso nota della ricetta.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  11. che bei colori questa torta!!!!! sarà stata buonissima... ;)

    RispondiElimina
  12. Come sempre un post ricco di cultura e ottimo cibo, nonchè di foto troppo gustose :)

    RispondiElimina
  13. Bellissimo post! E favolosa ricetta! Coloratissima e stuzzicante!

    RispondiElimina
  14. La pasta di questa torta salata mi piace troppo. Adoro la farina di mais e tutti quei semini. Strepitosa ^__^ Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  15. Tesoro è bellissima questa torta rustica di mais con ricotta e bietola è fantastica, una ricetta da provare assolutamente, l'ho già salvata!! Da quando conosco te, ho incominciato a vedere la storia in un aspetto poetico!! E' sempre stata pesante per me, adesso ho piacere di leggere i tuoi racconti e di tornare a rileggerli!!
    Un bacione tesoro, buona serata!!

    RispondiElimina
  16. sempre così interessanti i tuoi post. e che buona questa ricetta, molto interessante davvero.

    RispondiElimina
  17. tesoro mio è stupenda... e quanto è buona...non oso immaginare!!! bravissimaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  18. Questa torta è il sole allo specchio, sarà buonissima...posso assaggiare? ciao e grazie

    RispondiElimina
  19. Che bella torta, molto cromatica! E belli i tuoi post ricchi non solo di ricette ma anche di storia e fotografia! Bravissima Lady!;)

    RispondiElimina
  20. Bellissima ricetta, ottima torta salata!! me la segno, a presto!

    RispondiElimina
  21. Favolosa come sempre!
    baciotti Anna

    RispondiElimina
  22. le foto parlano da sole..questa torta deve essere buonissima!baci!

    RispondiElimina
  23. Wow!
    Che bella ricetta che mi regali per "Mai dire Mais"!!!
    Grazie mille!
    L'ho già aggiunta all'elenco e...mi sa tanto che la proverò presto!!!

    Un bacione!
    Elisa

    RispondiElimina
  24. Una torta che unisce gusto a bellezza... i colori sono davvero unici. Te la copierò.
    A presto

    RispondiElimina
  25. Lady con questo tuo racconto mi sembrava d'entrarci in un castello feudale! Come hai ragione, i tempi cambiano, ma a quanto pare la storia ci insegna ben poco(visto che le situazioni si ripetono sempre uguali!) Questi dipinti ben rappresentano il tuo scritto! Mi viene da pensare a quanto oggi abbiamo da mangiare (TROPPO anche!)e soprattutto sprechiamo... allora avere un pezzo di pane intriso era già grazia! Grazie Lady come sempre per tutte le informazioni storiche ma anche per questa originalissima torta di mais e spinaci! Ti abbraccio! A no... ancora un bacio!

    RispondiElimina
  26. Come sempre,nel tuo blog si riesce a nutrire mente e corpo sempre con molto gusto.
    Questa torta poi mi ha incuriosito parecchio,dev'essere molto buona.
    Un abbraccio,Fausta

    RispondiElimina
  27. Che bell'articolo e che stupenda torta di mais! Un vero piacere leggerti! :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Ricetta favolosa e bellissima l'introduzione!

    RispondiElimina
  29. Quelle Merveilleuse couleur:) Bon jeudi!!xxx

    RispondiElimina
  30. Sempre interessanti i tuoi post, dall'arte alla storia alla cultura! Particolare questa torta rustica, bacioni.

    RispondiElimina
  31. Una bellissima torta che sa di primavera...ottima per le prime scampagnate!!! Grazie delle informazioni che ci hai dato e da quanto leggo i nostri avi si trattavano bene!!! Un bacione tesoro e buon pomeriggio!!!

    RispondiElimina
  32. mi hanno regalato tanta di quella farina di mais che a forza di fare della polenta sto diventando gialla! questa ricetta la prendo e la porto via, fa al caso mio!

    RispondiElimina
  33. Sono sempre interessanti i tuoi post! E questa torta è molto originale e invitante!

    RispondiElimina
  34. Que torta tan interesante, la verdad es que me ha llamado mucho la atención, me quedo con tú receta.

    Saludos

    RispondiElimina
  35. questa torta è originalissima e immagino molto gustosa e i semi di papavero sono davvero molto decorativi :-) baciii

    RispondiElimina
  36. Le foto e i cenni storici sono interessantissimi, la torta di mais è una suprema prelibatezza, brava, ciao.

    RispondiElimina
  37. mi piace molto questa ricetta, è nelle mie corde! come sempre apprezzo la storia! :-)

    RispondiElimina
  38. Le tue introduzioni sono sempre molto interessanti. Come interessante questa bellissima ricetta che prevede l'utilizzo della farina di mais per l'impasto. Certamente molto saporita e gustosa. Grazie, prendo nota!

    RispondiElimina
  39. ma possibile che quando passo di qua devo fare sempre versi da acquolina tipo mmmmmm oppure slurp??? :P
    P.S. interessante la digressione storica...direi che poco è cambiato tra poveri e ricchi, no?

    RispondiElimina
  40. un pranzo ideale per domani che è venerd'ì, complimenti anche per i premi
    ciao

    RispondiElimina
  41. Interessantissimo questo post e anche la ricettina seguente. Le idee per utilizzare la farina di mais non sono mai abbastanza =P

    RispondiElimina
  42. Grazie per aver condiviso queste memorie di usanze culinarie e di vita!Complimenti per la fantastica ricetta!

    RispondiElimina
  43. Sempre molto interessanti i tuoi post Lady!! E questa torta è bellissima con questi colori così solari! Bravissima!!
    Ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  44. Complimenti davvero per la ricetta,molto originale e gustosa !! Ho apprezzato molto anche l'approfondimento "culinario" riguardo al medioevo . Se ti fa piacere passa a trovarmi...buona serata e complimenti ancora!

    RispondiElimina
  45. Brava, questo tortino è squisito!!! E che meravigliose immagini... ^_^
    Franci

    RispondiElimina
  46. Questa è davvero una ricetta interessante, che mi segno subito!

    RispondiElimina
  47. Mi piacciono tantissimo i tuoi post,e bello sapere che dietro una ricetta c'e una storia la nostra storia!
    Il tortino deve essere buonissimo complimenti.
    Baci Francesca

    RispondiElimina
  48. chissà che sapore avrà!!!!!! sembra più che ottima.

    RispondiElimina
  49. Quante belle informazioni ci dai, penso sia importante sapere e tenere vive le nostre radici per non perdere il contatto con il nostro passato.
    La ricetta mi incuriosisce, la proverò!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  50. uova, farina di mais, ricotta...
    E' la mia lista della spesa. Domani devo fare questa tortina, è bellissima! Complimenti :)
    Bacio,

    wenny

    RispondiElimina
  51. Uuuhh ma che belli i tuoi racconti..sono sempre molto interessanti! Questa era una parte di storia che ancora mi piaceva quando andavo a scuola.. e anche questa torta non deve essere niente male, curioso l'impasto di farina al posto della solita sfoglia o brisè!
    Bravissima!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  52. ciao Lady

    ^______________^

    buon weekend

    RispondiElimina
  53. sempre ricchi di notizie interessanti i tuoi post
    e che dire di questa torta di mais...copiata!!
    sei bravissima..Complimenti cara!!
    un bacio
    Enza

    RispondiElimina
  54. Che incanto la tua torta, un'involucro color del sole che racchiude un cuore morbido e gustoso. Mi piace davvero tanto anche perchè io ho un animo polentone ed adoro la farina di mais. Leggerti è sempre una scoperta. BAci, Pat

    RispondiElimina
  55. Il fascino dei tuoi post non solo ha la capacità di trasportarci in una sorta di viaggio nel tempo, ma cosa non da poco ci arricchisce sempre un po'! Eccellente questa torta di mais, soprattutto per il ripieno che è ben equilibrato e di gusto!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  56. Questa torta è belllllissssimmmaaa :)
    un aspetto delizioso, brava e buon fine settimana

    RispondiElimina
  57. Bella e gustosa ma l'olio evo non so .. comunque complimenti .
    Maurizio

    RispondiElimina
  58. Grazie per la lezione di storia Mylady! Io non so niente dell'epoca feudale in Italia, perchè ho studiato fuori. Conosco bene la storia Americana ma non quella Italiana, allora ho veramente apprezzato il tuo post. Questa torta rustica di mais sembra veramente deliziosa. Proprio poco fa sono andata al supermercato e ho comprato la farina di mais. Devo provare questa torta, mia figlia non ama la polenta (anche perchè la faccio non molto saporita:) ma sono sicura che questa le piacerà. Un abbracio!

    RispondiElimina
  59. Adoro le torte salate! meravigliosa fatta così!
    mi piacerebbe proprio assaggiarla!
    ciao cara buona gironata! bacioni =D

    RispondiElimina
  60. une superbe recette bien appétissante et joliment présentée
    bonne journée

    RispondiElimina
  61. Ciao cara Lady!! Il tuo racconto è talmente bello che mi sembrava di esserci!! Complimenti per questa stupenda torta rtustica!! Un bacione e buon week end.

    RispondiElimina
  62. Buona serata tesoro e buon weekend, da domani pomeriggio sono alle prese con 25 diavoletti e la sera con i genitori!! A Lunedì carissima, un bacione grande!!

    RispondiElimina
  63. che bello questo racconto del medioevo e sulle tradizioni culinarie ma entusiasmente la tua torta di erbette molto orignale

    RispondiElimina
  64. Bella la torta, le foto e il racconto! bravissima come sempre! baci

    RispondiElimina
  65. Interessantissimo il post sulla cucina feudale, e le foto sono davvero curiose. Questi post ricchi di storia ci piacciono molto.
    Buonissima la torta e davvero semplice, molto originale e da provare. Pochi ingredienti per una torta ricercata.
    baci baci

    RispondiElimina
  66. Ma che meraviglia il tuo blog! La torta deve essere buonissima e poi condita con quella storia...beh, proprio complimenti. Ciao

    RispondiElimina
  67. J'utilise très peu la farine de maïs, merci pour cette recette qui me semble délicieuse.
    Très bon week-end et à bientôt.

    RispondiElimina
  68. ma che bella! e bella anche la descrizione davvero interessante ;) benedetta

    RispondiElimina
  69. Caspita che post interessante, ricco di curiosità e di storia!
    E la tua torta rustica sembra essere un modo per far mangiare la verdura anche a chi (come me) ama la verdura un po' troppo poco...:-)
    Un bacione e buon week-end!!
    GG

    RispondiElimina
  70. cara Paola, non avevo idea che le cucine fossero posizionate nelle parti alte e le dispense in basso...Non avevano di certo bisogno di andare in palestra per tenersi in forma le massaie di quel tempo! chissà che belle gambe tornite avevano! la ricetta così solare me la segno subito! Un bacione cara e buon we....

    RispondiElimina
  71. Maravillosa torta, Lady. Feliz fin de semana. Besos.

    RispondiElimina
  72. bella e originale questa torta rustica, mette un appetito!!! bacioni e buona domenica^__^

    RispondiElimina
  73. Uma torta com um aspecto maravilhoso, adorei!!!
    Beijinhos

    RispondiElimina
  74. Questo post mi ha deliziato! L'ho letto e riletto, mi è proprio piaciuto! Sarà che amo la storia (e la insegno pure), sarà che quella torta rustica è così ammiccante...

    RispondiElimina
  75. Favolosa come sempre!
    Questi post ricchi di storia ci piacciono molto.
    bacioni e buona domenica

    RispondiElimina
  76. Rimango sempre a bocca aperta leggendo i tuoi post....ma addenterei volentieri questa "torta"! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  77. que plato mas rico la verdad que el ricotta me encantaa lo suelo utilizar mucho y es una buena manera de comer espinacas,delicioso,un beso

    RispondiElimina
  78. Che interessante sapere l'origine dei mie piatti preferiti... Grazie!
    Mi piacciono molto panzanella, ribollita, pappa al pmodoro che anche a casa talvolta provo a prepararli...ma non sono buoni come quelli assaggiati a firenze...

    RispondiElimina
  79. Che piatto insolito, storico e appetitoso!Ci stupisci sempre...

    RispondiElimina
  80. sei una fonte preziosa di sapere, grazie !
    la torta di mais , per me insolita, con la verdura mi intriga molto, bravissima !un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  81. Esta torta tiene una pinta estupenda, Lady.
    Enhorabuena por esos fantásticos premios, te los mereces.

    Un abrazo.

    RispondiElimina
  82. Veramente primaverile questa torta!
    I "piatti poveri" sono sempre gustosissimi e sani, e poi è bello conoscerne la storia! Io lo dico sempre che la cucina è anche cultura.

    RispondiElimina
  83. Una torta deliciosa!
    Saludos Da & Mer

    RispondiElimina
  84. ma che bel blog veramente interessante!!!! la torta poi deve essere sicuramente deliziosa. TI aggiungo subito ai miei preferiti

    RispondiElimina
  85. Buon lunedì tesoro, sono sopravvissuta!! Tutto ok!! Un bacione mia dolcissima!!

    RispondiElimina
  86. una vera bontà! una ricetta semplice proprio squisita! bacio

    RispondiElimina
  87. Ciao Lady. Una pintura muy significativa. de siempre y según quién las mesas han estado muy bien servidas. No solo durante la Edad Media, en los tiempos que corren creo que también las hay lo malo es que no hay pintores que las describan, y posiblemente con muchos más productos de los que pudieran haber en aquella época. Solo hay que ver algunas mansiones actuales.
    En cuanto a la torta que has hecho de maíz solo cabe decir una palabra, estupenda.
    Ciao

    RispondiElimina
  88. Grazie per le visite sempre graditissime!!!
    Buona settimana anche a te

    RispondiElimina
  89. Cara Lady
    Molto interessante dal punto di vista storico questo introito.
    La torta di mais e spinaci era una bellezza!
    Mi scuso per la mia assenza.
    Un bacio per te.

    RispondiElimina
  90. Cara Lady, ho dovuto acquistare un nuovo pc per poter tornare sul web w sul blog!! Tutto mi è mancato tanto!! Mi è mancato ancheil tuo spazio, pieno di curiosità, dolcezza e vita... torno con vera gioia!! Questa torta trovo sia un sogno, mi fa venire un acquolina in bocca incontenibile. Grazie, mia cara... Ti abbraccio forte. Deborah

    RispondiElimina
  91. Ciao Lady cara, che emozione aprire il tuo blog... sempre cose nuove ci si trova, per non parlare di questa tortina rustica "Spettacolare" bacioni
    Antonella.

    RispondiElimina
  92. Interessante questo abbinamento. Non avrei mai pensato di fare una torta con sola farina di mais!!!

    RispondiElimina
  93. ciao Lady
    eccomi qui per un saluto
    buon proseguimento ^___________^

    RispondiElimina
  94. Bellissimo questo post tra storia antica e cucina contemporanea.Un tuffo nel passato vivendo nel presente.Grazie

    RispondiElimina

Grazie della visita e del commento!
I commenti con link attivi e inattivi verranno rimossi
I commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

NIENTE PREMI, GRAZIE!!!
Vi prego di NON assegnarmi premi, in quanto NON ho tempo a disposizione per rispettarne le relative regole!!!

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...